Come riutilizzare le bottiglie di plastica.

Come possiamo riutilizzare le bottiglie di plastica che sono vuote invece di buttarle? Ci sono diversi modi e ve ne voglio elencare qualcuno:

  • Come possiamo annaffiare le piante quando siamo in vacanza? Semplice, riempite una bottiglia di plastica, togliete il tappo e inserite nella terra l’imboccatura della bottiglia, gradualmente l’acqua scenderà durante la nostra assenza senza farci seccare le nostre amate piante;
  • Portagioie: tagliare la bottiglia all’altezza che vi serve e decoratela a piacere, avrete ottenuto una delizioso ed ecologico contenitore per i vostri gioielli;
  • Portavasi: tagliate la bottiglia all’altezza che preferite, rivestitela a piacere e travasate le vostre piantine, sarà un’idea originale per le vostre piantine di dimensioni più piccole, sia singolarmente che unendo bottiglie di varie dimensioni per formare una composizione;
  • Portamonete: tagliate due fondi dli bottiglia a uno due centimetri dalla base, attaccate con la colla a caldo una cerniera lampo e il gioco è fatto;
  • Salvadanaio: chiudete la bottiglia fate una fessura a lato e riempitela con le vostre monete;
  • Mangiatoia per uccelli: tagliate la bottiglia attaccate alle estremità un filo di spago come una borsetta, mettete il mangime per gli uccelli, attaccatelo fuori la finestra o su un albero e i vostri piccoli amici alati potranno mangiare tranquillamente
  • Organizer per bulloni, viti, bottoni o anche organizer per la scrivania: sempre tagliando la bottiglia, decorandola e lasciandola singola o a composizione e avrete tutto a portata di mano.
  • Portabicchieri: con lo stesso metodo del taglio detto sopra, potrete contenere anche i bicchieri.

Buon lavoro e buon riciclo 😉

Fonte: ricerca sul web e esperienza personale.

Come utilizzare vecchi CD e DVD.

Chi di noi non ha in casa vecchi CD o DVD che non possiamo più riutilizzare? Beh, invece di gettarli via possiamo riutilizzarli in diversi modi, del tipo:

  • Come sottobicchieri, da decorare a piacimento o semplici, così come sono;
  • Come base per una cornice, attaccate le foto che volete e decorate a piacimento;
  • Tagliati in piccoli pezzetti, possiamo riutilizzarli come decori di mosaico a cornice, vasi, scatole porta oggetti, decori natalizi, palline decorative, gioielli  e tanti altri oggetti;
  • Attaccando i dischetti a dei fili potrete creare delle tende molto originali, e ricordate, con lo stesso sistema si possono allontanare i piccioni dalle vostre case, dato che l’effetto “specchio” li fa allontanare.

Che dire? Date libero sfogo alla vostra creatività.

Fonte: ricerca sul web e esperienza personale.

 

 

 

Detersivo: come fare con i prodotti che abbiamo in casa.

Cosa possiamo utilizzare al posto del classico detersivo? Semplice:

  • Bicarbonato: mescolare insieme 1 bicchierino di acqua e 3 di bicarbonato e lasciare riposare questa soluzione per un’ora sulla macchia e poi mettere in lavatrice con due cucchiai di sapone di marsiglia e mezza tazza della soluzione di bicarbonato che abbiamo fatto in precedenza;
  • usare al posto dell’ammorbidente l’aceto bianco;
  • per la manutenzione della lavatrice fate un ciclo a vuoto con 1 l di aceto bianco a 60°/90°;
  • utilizzate al posto della candeggina il perbonato (da trovare nei supermercati, nel negozi di prodotti per la casa o online);
  • per pulire i vetri: una soluzione di 50g di bicarbonato e 1/2 l di acqua, fate sciogliere e mettete in uno spruzzino;
  • per pulire marmo e argento utilizzate il sapine di marsiglia;
  • per sturare il lavandino utilizzate o una soluzione di aceto bianco e bicarbonato o una soluzione di sale, bicarbonato e acqua;
  • come anticalcare utilizzate  i bicarbonato o l’aceto bianco;
  • per fare un detersivo per le lavastoviglie in casa: 40% limone, 40% acqua, 10%aceto bianco, 10% sale. Frullate tutto e fate bollire per 10/12 minuti fin quando il composto non diventa denso;
  • per fare un detersivo per i piatti in casa: 3 limoni grossi, 100 ml aceto bianco, 400 ml acqua, 200 ml sale fino. Frullate il tutto e fate bollire per 10/22 minuti. Lo stesso composto lo potete utilizzare anche per i fornelli e il lavello.

Ricapitolando con dei semplici ingredienti (bicarbonato, aceto bianco, sapone di marsiglia, sale, perbonato e limone) potrete risparmiare ed essere più rispettosi per l’ambiente. Presto pubblicherò degli ulteriori approfondimenti su ognuno di questi ingredienti.

Fonte: ricerca sul web e esperienza personale.

Riciclare i contenitori delle uova.

Avete presente i contenitori di plastica o di carta delle uova? Immagino che le gettate via, vero? E invece no! Anche questi oggetti possono essere riutilizzati. In che modo? Beh, così, sia al naturale che decorandoli o dipingendoli con i colori che preferite:

  • Porta-oggetti per contenere bracciali, collanine, orecchini e altri oggetti di bigiotteria;
  • Se giocate a ping-pong come porta palline;
  • Possono contenere le decorazioni natalizie più piccole e delicate;
  • Possono diventare dei simpatici vasetti per le piantine;
  • Potete utilizzare, se dipingente, questo contenitore come tavolozza;
  • I contenitori di plastica possono fungere da stampi per cubetti di ghiaccio;
  • Dando libero sfogo alla creatività, utilizzando fiori finti, possono diventare dei simpatici centrotavola;
  • Possono essere utilizzati come contenitori per il cucito,
  • Possono essere utilizzati in ufficio come porta graffette, porta punti della spillatrice e tutti i prodotti di cancelleria più piccoli.
  • Possono essere utilizzati in una cena particolare per contenere gli stuzzichini o dei piccoli aperitivi.

 

Fonte: ricerca sul web e esperienza personale.

 

Olio di mandorle dolci, un solo prodotto mille utilizzi.

Conoscete l’olio di mandorle dolci ricavato dalla spremitura a freddo? Beh, io fino a poco tempo fa non lo conoscevo, poi, l’ho utilizzato e sono rimasta entusiasta da tutte le cose che possono essere fatte con quest’olio. Contiene acidi grassi, vitamine (B ed E), proteine e sali minerali (zinco, ferro, calcio, magnesio, fosforo e potassio). Può essere utilizzato:

  • Durante la gravidanza sui fianchi, seno e pancione o durante una dieta dimagrante per prevenire le smagliature;
  • Applicato sul seno durante l’allattamento previene la secchezza della parte e non ha controindicazioni per il bambino;
  • Applicato prima della doccia sarà meglio di qualsiasi crema idratante;
  • Per rimuovere i residui di cera dalle zone depilate;
  • Applicato sui neonati e bambini più grandi per prevenire qualsiasi forma di irritazione, allergie o dermatosi;
  • Per struccarsi al posto dello struccante, ma solo per coloro che non hanno la pelle molto grassa;
  • Unito con sale o zucchero è l’ideale per essere utilizzato come scrubs;
  • Utilizzato come impacco prima dello shampoo e lasciato agire 30 minuti, lascerà i capelli che normalmente sono molto secchi morbidi e lucenti;
  • Può essere utilizzato come burrocacao sulle labbra screpolate;
  • Come impacco per le mani per ammorbidire le cuticole;
  • Preso come alimento migliora le funzioni intestinali;
  • Miscelato con poche gocce di oli essenziali è un’ottima rimedio per rilassarsi con un massaggio;

Fonti: ricerca sul web e esperienza personale.

Riciclare vecchi ombrelli.

Avete mai pensato di dare nuova vita ad un ombrello invece di gettarlo via? Beh, è sorprendente la nuova vita che si riesce a dare a questo oggetto.


1 –  Portabiti con manico. Se l’ombrello è quello con il manico, tagliate il manico dell’ombrello e attaccatelo al muro, potete utilizzarlo come appendino! 

2 – Stoffa. Recuperate la stoffa dell’ombrello e riutilizzatelo imbastendolo come borsa o bisaccia.

3 – Portafiori. Prendete dei fiori e ornate il vecchio ombrello, diventerà un grazioso complemento di arredo! 


Basta un poco di creatività, buon lavoro! 🙂

Fonte: ricerca sul web, esperienza personale.

Riciclare leggings e collant

Tutte in casa abbiamo vecchi leggings o vecchi collant che non indossiamo più, ma invece di gettarli via possiamo utilizzarli in altri modi:

1 – Rivestimento per vasi o paralumi. Essendo elasticizzati questi indumenti, tagliati possono essere riutilizzati come rivestimenti per vasi o vecchi paralumi.

2 – Strofinacci antipolvere. Tagliati a pezzetti attireranno la polvere e lasceranno le superfici pulitissime. 

3 – Copribraccia. Tagliate le gambe, e al posto delle gambe indossatele sulle braccia per ornare un vestito a mezze maniche o a giro.

In questo modo non getteremo via nemmeno i nostri leggings o collant. Buon lavoro. 

Fonte: ricerca sul web, esperienza personale.

Risparmiare e non avere brutte sorprese nel periodo dei saldi.

Siamo giunti ai saldi invernali, di seguito vi elenco le date da quando iniziano a quando terminano in tutta Italia:

  • ABRUZZO: 5 gennaio / 60 gg
  • BASILICATA: 5 gennaio / 1 marzo
  • CALABRIA: 5 gennaio / 60 gg
  • CAMPANIA: 5 gennaio / 31 marzo
  • EMILIA-ROMAGNA: 5 gennaio / 4 marzo
  • FRIULI VENEZIA-GIULIA: 5 gennaio / 31 marzo
  • LAZIO: 5 gennaio / 15 febbraio
  • LIGURIA: 5 gennaio / 18 febbraio
  • LOMBARDIA: 5 gennaio / 60 gg
  • MARCHE: 5 gennaio / 1 marzo
  • MOLISE: 5 gennaio / 5 marzo
  • PIEMONTE: 5 gennaio / 28 febbraio
  • PUGLIA: 5 gennaio / 28 febbraio
  • SARDEGNA: 5 gennaio / 5 marzo
  • SICILIA: 2 gennaio / 15 marzo
  • TOSCANA: 5 gennaio / 60 gg
  • UMBRIA: 5 gennaio / 60 gg
  • VALLE D’AOSTA: 5 gennaio / 31 marzo
  • VENETO: 3 gennaio / 28 febbraio

L’intesa dei consumatori (che è l’unione tra ADOC, ADUSBEF, CODACONS e FEDERCONSUMATORI) ha poi pubblicato un decalogo per non rischiare cattive sorprese durante i saldi che potrete trovare in questo link: http://www.federconsumatori.it/istruzioni/commercio/Saldi-regole%20per%20non%20correre%20rischi.htm

Infine, cosa comprare durante questi saldi? Si può optare per quei capi classici che difficilmente passeranno di moda, o su quei capi che a prezzo pieno non avreste mai comprato oppure approfittare per fare una lista dei regali da fare da ora ai prossimi saldi in modo da anticiparci con i tempi e spendere a prezzi scontanti! E che dire: buon shopping!!! 😉

FONTE: ricerca sul web, esperienza personale, http://www.federconsumatori.it

Riciclare pandoro e panettone.

Natale è passato e sicuramente nelle nostre case ci saranno ancora confezioni di panettoni e pandori intatti che nessuno ha voluto mangiare, come riciclare questi prodotti senza che vadano sprecati? Semplicissimo, andando a sostituire il panettone o il pandoro con a qualche ingrediente di alcune ricette classiche, ecco come:

  • tiramisù: sostituite il panettone o il pandoro al posto dei savoiardi;
  • semifreddo: sostituite il panettone o il pandoro al posto dei savoiardi;
  • zuccotto: sostituite il panettone o il pandoro al posto del pan di spagna o dei biscotti;
  • crublè di mele: con un frullatore riducete a farina il panettone o il pandoro e sostituitelo alla farina tradizionale;
  • charlotte: sbriciolate il panettone o il pandoro e sostituitelo nell’impasto della ricetta;
  • tartufini: inserite nell’impasto il panettone o il pandoro sbriciolato;
  • cake pops: sostituite il panettone o il pandoro al posto del pan di spagna;
  • muffin: con un frullatore riducete a farina il panettone o il pandoro e sostituitelo alla farina tradizionale;
  • pudding: con un frullatore riducete a farina il panettone o il pandoro e sostituitelo alla farina tradizionale;
  • tortine di mele: utilizzate delle fette di pandoro o di panettone come base;
  • soufflè: sbriciolate il panettone o il pandoro nell’impasto;
  • cassata siciliana: utilizzate il pandoro il panettone come base per l’impasto;
  • zuppa inglese: sbriciolate il panettone o il pandoro e decorate la zuppa inglese;
  • budino: sbriciolate il panettone o il pandoro nell’impasto;
  • farcite il panettone o il pandoro con una crema a piacere dopo averlo tagliato a fette;
  • tostate il pandoro o il panettone in modo da poterlo utilizzare o come pane tostato con un filo di marmellata la mattina a colazione o come crostini anche in ricette salate.

Fonte: ricerca sul web e esperienza personale.

Regali di Natale low cost.

Natale è alle porte e ancora siete indecisi sui regali da fare? Magari qualcosa di originale ma allo stesso di economico per rendere felice i nostri amici e parenti senza spendere cifre esorbitanti? Niente paura siete ancora in tempo per gli ultimi acquisti! Vi propongo io qualche idea:

  • Sottobicchieri, di quelli un po’ particolari, con decorazioni originali o scritte divertenti.
  • Portachiavi con portafoto.
  • Chiavetta usb.
  • Palla di neve con foto, per appendere sull’albero i nostri ricordi più belli.
  • Gioco di carte uno, per passare una serata divertente in compagnia.
  • Guanti per palestra, per i patiti dello sport.
  • Kit per cucire.
  • Pochette con pennelli professionali.
  • Pesa valigia.
  • Confezione di smalti.
  • Portacinture foppapedretti.
  • Saponette profumate per cassetti e armadi.

E per chi vuole donare un regalo fatto a mano che riscaldi il cuore?

  • Un libro fa sempre piacere, e se lo accompagnamo con un segnalibro fatto a mano? Allora, per il segnalibro prendete un cartoncino, facciamo un buco ad una delle estremità e infiliamoci un nastrino colorato e decoriamolo con la carta velina, con una bella frase o con altri cartoncini, dando spazio alla fantasia.
  • Portacellulare in feltro. Prendete del feltro e le misure del cellulare: calcoliamo un centimetro e mezzo in più per ciascun lato e ritagliamo due pezzi di feltro di queste dimensioni. Con un gessetto tracciamo il disegno della forma che vogliamo dare al portacellulare e ritagliamo perfettamente, poi sovrapponiamo i due pezzi e cuciamo con ago e filo o colla a caldo e rovesciamo la custodia in modo che le cuciture rimangano all’interno.
  • Candele fatte a mano. In un negozio di bricolage comprate paraffina e stearina o la cera d’api. Prendete un barattolo e create una decorazione simpatica con tanti nastri colorati o dipinti a mano.
  • Se amate lavorare la lana: spille; calzini e pantofole; sciarpe; maglione di lana;
  • busta colorata da utilizzare come porta libro, porta tablet o porta cellulare.
  • Se amate fare in casa conserve, pane, marmellate, sughi e biscotti allora datevi alla pazza gioia, preparatele e confezionatele con idee simpatiche, chi lo riceverà non ne rimarrà deluso.
  • Sacchetti profumati per armadi e cassetti: i sacchetti da cucire a mano o annodando un fazzoletto di tessuto con nastro colorato, riempiteli con pot pourri a base di fiori o oli essenziali. Con lo stesso metodo del sacchetto potete anche confezionare cioccolattini.

Fonte: ricerca sul web e esperienza personale.